All posts filed under ‘errands

Rallentare

Ho bisogno di rallentare, di assecondare la lentezza dei pensieri profondi, delle letture lunghe, della scrittura a mano, del parlare con le persone di persona, di ascoltare.

Tsundoku

Tsundoku (積ん読) è un termine giapponese che può essere utilizzato anche come verbo, letteralmente significa “acquisire libri lasciando che formino una pila nella propria casa ma senza leggerli”. A chi non capita? La lettura è spesso uno dei tanti buoni propositi che facciamo e che poi rimangono li, accatastati in una pila. Io vorrei leggere […]

Essere ignoranti

Non penso, questo è ovvio, che l’ignoranza in sé sia un valore, averne la consapevolezza ha invece valore inestimabile. Tutta la conoscenza è di fatto preceduta dall’ignoranza e riconoscerla con umiltà è presupposto fondamentale per un nuovo percorso di conoscenza. So che sto dicendo cose scontate e banali, tuttavia viviamo proprio un tempo in cui […]

Usare il tempo

Il tempo passa e per me in effetti ne è trascorso già molto. Non sono però ossessionato dal tempo che passa, piuttosto del pessimo uso che ne potrei fare. …si è oculatissimi nel tenere ben stretto il proprio patrimonio, ma quando si tratta di sprecare il tempo, ossia quella cosa per la quale solo è […]

Strumenti

Carta e penna stilografica, scrivo così, è una cosa che semplicemente mi piace. Ho una scrittura piccola e ho sempre avuto una predilezione per i pennini molto sottili, consentono precisione e ordine. Ho però voluto cambiare provando con pennini più larghi, erogano più inchiostro rivelandone i dettagli. La scrittura è più scorrevole e il tratto […]

Ruminare

Di come scrivo e riscrivo le stesse cose, modificando minimamente e sottraendo piccoli e inessenziali pezzi fino ad arrivare all’essenza. Scrivere spesso le stesse cose, ruminare sulle stesse idee è cosa che mi capita di frequente, direi piuttosto che è una costante del mio essere. Mi interrogo spesso su questo mio modo di procedere chiedendomi […]