All posts filed under ‘errands

Nozionismo (sul non farsi domande)

Leggo il blog di Austin Kleon con una certa regolarità, qui una cosa interessante riguardo l’approccio moderno alla conoscenza. I really, really don’t like it when people look things up on their iPhones…. I mean, sometimes, of course, I’m no idiot. The encyclopedic nature of the information that’s available is fantastic, but I would still […]

Mala tempora currunt

Usciremo da questa terribile emergenza sanitaria, questo è certo. Mi preoccupa però il dopo, mi preoccupa il come. Si perché questa situazione eccezionale mi pare abbia dimostrato tutti i limiti del dilettantismo salito al potere spinto dall’ondata populista. Serve competenza per dirigere un paese democratico come l’Italia, perché la democrazia è una cosa meravigliosa ma […]

2020

Buoni propositi ne faccio tutti i giorni, non mi pare il caso di farne oggi solo perchè la convenzione di ogni inizio anno ce lo impone. Con un’unica eccezione: imparare (sempre di più) a dire di no, cosicché i no mi regalino più tempo e più serenità. Ho già un’idea di ciò che potrei fare […]

Carta e penna

La tecnologia è elemento fondamentale nella mia professione e utilizzo oggetti digitali quotidianamente. Sono però una persona carta e penna, amo scrivere con le mie stilografiche e ho una sorta di ossessione per la Tomoe River paper. La scrittura a mano mi impone lentezza e riflessione. Impugnare la penna, aprire il quaderno, toccare la carta, […]

Il problema della stupidità

C’è differenza tra il malvagio e lo stupido? Io ho sempre pensato di si. I malvagi sono ovviamente pericolosi ma tutto sommato riconoscibili e identificabili. Lo stupido è imprevedibile, agisce fuori da qualsiasi schema lasciando dietro di se solo devastazione, per questo l’ho sempre temuto anche più del malvagio. Ultimamente mi sto chiedendo sempre più […]

Il peso dell’ignoranza

Leggo più di quanto scriva anche se non leggo quanto vorrei. Ma scrivo anche tanto, carta e penna, riempio quaderni che una volta finiti vanno in una scatola chiusa in un armadio. Scrivere è per me una forma di meditazione, di catarsi. Vengono fuori i miei limiti e tutta la mia ignoranza. Viviamo un’epoca in […]

Buon Natale

* , _/^\_ < > * /.-.\ * * `/&\` * ,@.*;@, /_o.I %_\ * * (`’–:o(_@; /`;–.,__ `’) * ;@`o % O,*`’`&\ * (`’–)_@ ;o %'()\ * /`;–._`”–._O’@; /&*,()~o`;-.,_ `""`) * /`,@ ;+& () o*`;-‘;\ (`""–.,_0 +% @’ &()\ /-.,_ “”–….-‘`) * * /@%;o`:;’–,.__ __.’\ ;*,&(); @ % &^;~`"`o;@(); * /(); o^~; & ().o@*&`;&%O\ […]

Sottrarre

Sottrarre è un processo faticoso e talvolta anche doloroso, dire si è più semplice che dire no. Il mondo mi suggerisce che la mia vita migliora in generale se accumulo cose, non gliene faccio una colpa lo fa perché tutto sommato è nel suo interesse. Io credo invece, consapevole di avere già molto, che sia […]